Valsabbia Climbing, arrampicare in Valle SabbiaFalesie della Valle SabbiaValsabbia Climbing, arrampicare in Valle SabbiaArrampicare in Valle SabbiaValsabbia Climbing, arrampicare in Valle SabbiaValsabbia ClimbingValsabbia Climbing, arrampicare in Valle Sabbia
Valsabbia Climbing, arrampicare in Valle Sabbia
ETICA VERTICALE

Prendiamo spunto da un articolo apparso su Pareti per fare un elenco dei termini più utilizzati in arrampicata.

A volte, per fare chiarezza, per sgombrare il campo dagli equivoci e dai litigi, non serve poi tanto. Bastano alcune definizioni belle chiare nella testa dei climbers; dei punti di riferimento da dire e da tramandare ad amici, conoscenti ed allievi.

Rotpunkt
Percorrere una via già provata precedentemente, salendola integralmente e senza appendersi a rinvii e senza aiutarsi nella progressione con i punti di protezione.
Sinonimi attualmente in voga: liberarla, farla, farla lavorata, farla pulita, chiuderla. In inglese: to send.

A vista
Percorrere una via mai provata precedentemente e a proposito della quale non si hanno informazioni, riuscendo a salirla integralmente e senza appendersi ai rinvii e senza aiutarsi nella progressione con i punti di protezione. In sostanza è una rotpunkt immediata, già alla prima volta in cui si mettono le mani sulla via. In inglese: To On Sight.

Top Rope
Scalare una via con la corda ancorata in catena o comunque in un punto della parete, così che l'arrampicatore possa evitare di scalare da primo tutta o parte della via. Non viene considerato top rope solo l'ancoraggio preposizionato nel primo rinvio quando, per contingenti esigenze di sicurezza, sia necessario preservarsi da una possibile caduta a terra prima di posizionare la protezione numero uno. Equivalente: scalare da secondi, da due, in moulinette, con la corda dall'alto.

Tentativo
Ogni singola volta che si parte dalla base della via, anche in top rope e anche solo per mettere i rinvii prima di un "tentativo serio". La somma dei tentativi significa "lavorare" una via. Equivalente in inglese: go (second, third go ecc.); oppure try. To climb after work.

Resting
Appendersi una o più volte su un rinvio. Chi fa uno o più resting non riesce a percorrere la via rotpunkt, a vista o flash. Cioè non riesce a farla, a chiuderla, a liberarla. Al massimo può dire che l'ha provata, l'ha lavorata, ci ha fatto un tentativo.

Catena o sosta
Punto di calata che segna il termine della via. In inglese: belay anchor.

Grado
Valutazione complessiva dell'impegno psicofisico richiesto per percorrere rotpunkt una via. L'attribuzione di un grado ad ogni via è, entro certi limiti, soggettivo, ed avviene in un lasso di tempo non brevissimo, dopo il confronto di opinioni tra coloro che sono riusciti a percorreral rotpunkt. In sostanza: si ha il diritto di dire la propria sul grado di una via solo dopo che si è riusciti a farla pulita senza mai appendersi.

Scavo
Qualsiasi appiglio o appoggio modificato dall'uomo con un trapano, scalpello, martello o spazzola di ferro in grado di modificare in modo rilevante la natura della roccia. Pratica diffusa fino a 10 anni fa, adesso è categoricamente bandita dalle pratiche verticali sia in fase di chiodatura che successiva. In inglese: chipping.
Advertising:

©Copyright 2017-2018 Associazione Sportiva Dilettantistica Valsabbia Climbing | informativa privacy |